Le 10 piscine naturali più spettacolari

In giro per il mondo alla scoperta di piccoli angoli di paradiso

di Ida Bini

 

Pamukkale in Turchia
Le vasche a terrazza di Pammukale, il cui nome in turco significa “castelli di cotone”, sono talmente belle che l’Unesco ha deciso di proteggerle e di inserirle tra i beni patrimonio dell’Umanità. Il complesso di sorgenti termali sorge a Denizli, nel sud ovest della Turchia, in vasche e piscine lunghe più di due chilometri e mezzo e profonde anche 600 metri. La chiara pietra calcarea delle vasche contrasta con l’azzurro dell’acqua e del verde dei dirupi montuosi che li circonda, creando un sito tra i più visitati del Paese.

Cenote Ik-Kil nello Yucatan messicano
Il suo vero nome è Sacro Cenote Blu e sorge nel parco di Ik Kil, nel sud est del Messico. E’ una cavità calcarea circolare dentro la quale l’acqua piovana ha creato una laguna sotterranea bella da mozzare il fiato. Si fa il bagno tra liane, piante esotiche e pesci colorati in un luogo paradisiaco che i Maya consideravano sacro, un punto di contatto tra gli uomini e gli dèi. Tra i settemila cenotes presenti nello Yucatan, quello Blu è largo 60 metri e profondo 48, bagnato da un’acqua cristallina e limpida, situato non lontano dalla città di Pisté.

To Sua Ocean Trench nelle isole Samoa
To Sua nella lingua samoana significa “grande buco”: è infatti una piscina circolare sorta a 30 metri tra le rocce vulcaniche dell’isola di Upolu. Per accedervi è necessario scendere lungo una scala o a nuoto da una grotta sottomarina collegata all’oceano. E’ un vero spettacolo della natura che si può ammirare nel villaggio di Lotofoga: dall’alto somiglia proprio a un grande buco blu di acqua cristallina tra la natura rigogliosa delle isole Samoa.

Blue Lagoon in Islanda
Sorge a Grindavik, in Islanda, a soli 40 minuti da Reykjavík: la favolosa Laguna Blu è un centro termale apprezzato per la sua bellezza naturale e per i benefici delle sue acque geotermiche, in particolare per l’alga Cyanobacteria, ottima per le sue proprietà cosmetiche e curative. La piscina è di un azzurro intenso con le acque turchesi, e la temperatura varia tra i 37 e i 39 gradi; e in alcuni punti raggiunge persino i 92 gradi.

Grotta della Poesia in Salento
A circa 25 chilometri da Lecce e a 20 da Otranto, sulla costa adriatica, sorge Roca Vecchia, località famosa per le sue piscine naturali. La più bella e suggestiva è la Grotta della Poesia, dove la leggenda narra che una principessa amasse farvi il bagno; la sua bellezza e il fascino della grotta ispirarono alcuni poeti. In realtà il nome deriva da posia, che in greco significa “sorgente di acqua dolce” per la presenza di fonti che scorrevano tra le rocce fino al mare.

Laguna di Giola a Thassos
Sull’isola greca di Thassos, nell’Egeo nord orientale, si trova l’incredibile laguna di Giola, una piscina naturale scavata nella roccia, caratterizzata da un’acqua cristallina e trasparente. La particolarità di questa piscina naturale è che la temperatura dell’acqua è più elevata di quella del mare, creando tonalità e colori che contrastano con il blu intenso del profondo Egeo.

Dean’s Blue Hole alle Bahamas
Profonda più di 200 metri, Dean’s Blue Hole è uno spettacolo che lascia senza fiato: è un perfetto cerchio naturale coperto d’acqua marina, sulla baia di Clarence Town, a Long Island, nelle Bahamas. La sua apertura sorge al di sotto del livello del mare ed è facilmente visibile dall’alto, da dove si distingue l’ingresso per la differenza di colore dell’acqua: blu intenso al centro e turchese e azzurro tutt’intorno, proprio come in una piscina artificiale.

Tat Kuang Si Waterfall, nel Laos
Le maestose cascate del fiume Kuang Si, nel Laos settentrionale, si formano da un dislivello di oltre 30 metri e si gettano in numerose piscine color turchese che caratterizzano la valle di Luang Prabang. Per scegliere il punto più adatto dove fare il bagno è sufficiente seguire il sentiero e optare tra le tantissime vasche naturali dai colori che raccolgono tutte le tonalità del blu e del verde.

Havasu Falls nel Grand Canyon
In Arizona le cascate di Havasu si trovano all’interno di una riserva indiana in uno degli angoli più remoti e belli del Grand Canyon. Dopo un salto di più di 35 metri, le acque cristalline del fiume si riversano in una piscina color turchese che sorge tra le rocce rosse del canyon e che invita a un tuffo.

Enchanted River nelle Filippine
Il fiume Hinatuan, o Enchanted river, attraversa l’isola di Mindanao nelle Filippine prima di buttarsi nell’oceano Pacifico. Lungo il suo corso roccioso l’acqua salata ha creato una piscina naturale da sogno, una tra le attrazioni più affascinanti dell’arcipelago asiatico. L’acqua cristallina e le tante sfumature di blu invitano a fare un bagno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA