Giubileo: Franceschini arriva a Porta Santa su treno storico

Per sostenere pellegrini della salute di CasAmica

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 21 MAG - Fischio di partenza e il treno di sei carrozze degli anni Venti, trainato da una locomotiva a vapore del 1918, ha lasciato la Stazione Termini di Roma per arrivare a San Pietro. A bordo - insieme con i volontari di CasAmica onlus, l'ad di Trenitalia Barbara Morgante e circa 500 viaggiatori - il ministro di Beni Culturali e Turismo Dario Franceschini che ha deciso di raggiungere così la Città del Vaticano per attraversare la Porta Santa, incontrare il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e partecipare al dibattito "...Se il mondo salverà la bellezza" nella chiesa di Santo Stefano degli Abissini. "Mi fa molto piacere l'incrocio di queste iniziative così belle: la valorizzazione di un treno storico, un viaggio verso San Pietro nel Giubileo della Misericordia e l'attività di CasAmica", ha detto il ministro.
    Di fronte alla richiesta di "creare un tavolo tecnico di lavoro con istituzioni sanitarie, realtà no profit e tribunale del malato per mettere le persone segnate dalla malattia grave e le loro famiglie in condizione di essere accompagnate nei loro bisogni", esposta durante il viaggio da CasAmica, l'associazione di sostegno ai pellegrini della salute in Italia che ha ideato l'iniziativa "Un treno verso la vita", Franceschini ha preso l'impegno di farsi "interprete diretto" con i ministri competenti per accogliere la proposta, capire le risorse e, dal punto di vista legislativo, supportare l'attività del terzo settore". "I diretti interessati - ha spiegato - si rendono conto dei problemi e individuano le soluzioni prima delle istituzioni pubbliche".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA