Libri: Alpi ribelli, Camanni racconta ribellione terre alte

Da Guglielmo Tell a Fra Dolcino, dai partigiani ai No Tav

Redazione ANSA AOSTA

(ANSA) - AOSTA, 9 GIU - Dalla leggendaria lotta di Guglielmo Tell agli artigiani eretici che si sacrificarono con Fra Dolcino, dai partigiani che sconfissero il nazifascismo agli attivisti che lottano contro il treno ad alta velocità in Val di Susa, tutti uniti da un "filo sottile che lega le terre alte alla tentazione della ribellione". Di questo parla 'Alpi ribelli', l'ultima opera letteraria di Enrico Camanni (editore Laterza, 248 pagine, 18 euro).
    "Questo libro raccoglie le storie dei montanari e degli alpinisti - si legge sulla copertina - che seppero disubbidire agli ordini, costruendo sulle montagne rifugi di resistenza, avamposti di autonomia e laboratori di innovazione sociale.
    Come una risorgiva carsica che emerge dalle profondità del tempo, la montagna si ricorda di essere diversa e fa sentire la sua voce fuori dal coro. Una vecchia idea, forse un'utopia, che non ha ceduto al consumismo delle pianure e rinasce di tanto in tanto in forme nuove e dirompenti".
    Enrico Camanni, alpinista e giornalista torinese, ha fondato e diretto il mensile Alp e la rivista internazionale L'Alpe. Ha scritto libri di storia e letteratura dell'alpinismo, oltre a sei romanzi ambientati in diversi periodi storici. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA