Giro d'Italia in coppia, tra dolce, piccante e da film

''Io viaggio con te'', guida nel belpaese da scoprire in due

di Daniela Giammusso ROMA

Non solo Venezia in gondola, che pure continua a essere il più romantico. O in carrozza per Roma, tra Colosseo e San Pietro. E via anche tutti i clichè di centri benessere, resort e terme dei confanetti in vendita al supermercato. Se è vero che ogni amore ha le sue sfumature, età e passioni, il detto vale ancor di più quando si tratta di progettare una fuga a due. Perché guardarsi negli occhi viene meglio quando si è nel posto giusto (oltre che con l'anima gemella). Primo passo, capire che tipo di coppia si è, raccomanda Alida Ardemagni, autrice di ''Io viaggio con te - Giro d'Italia in coppia'' (ed. Morellini Editore, pp. 224 - 14,90 euro) guida per il bel paese alla ricerca dei propri itinerari del cuore, selezionati per atmosfere, tra spiagge selvagge e abbazie, un tocco di cioccolato o un canyon mozzafiato. E allora che sia solo per un week end, un più ampio Voyage en Italie o anche solo una giornata senza ufficio in città, ecco qualche consiglio, a tasso di romanticismo variabile.

    OLTRE I GRANDI CLASSICI - Per la coppia che anche in viaggio vuole andare sul sicuro, con garanzia di confort e bellezze da condividere, il Top per la bella stagione è sicuramente Capri, in barca tra i faraglioni o a passeggio fino in Piazzetta, alla scoperta delle ville storiche dell'isola a partire da quella di Augusto del I secolo a.C. Ma ci si innamora anche tra i giardini Oltrarno a Firenze, tra i sentieri profumati di Portofino o a Verona, la città degli innamorati per antomasia, con bacio sotto al balcone di Romeo e Giulietta. Fino a Venezia, ma che sia una fuga lontano dalla folla, a Torcello, la più lontana e intima delle isole della laguna, amata da celebrities come Maria Callas, la regina Elisabetta ed Ernest Hemigway.

    DOLCE o PICCANTE? - Se l'amore è (anche) una questione di gusti, allertate le papille e puntate a Maierà, piccolo borgo ai margini del Parco nazionale del Pollino, dove al peperoncino è dedicato addirittura un museo. A settembre, pochi chilometri e si passa alla degustazione con il Festival del peperoncino di Diamante. Se invece preferite il dolce, da non perdere Perugia, la città dei Baci e del trionfo del cioccolato con Eurochocolate a ottobre. Oppure, tra sacro e profano, puntate all'Abbazia di Novacella, in Alto Adige, dove a quiete e spiritualità si abbinano gli ottimi vini della cantina dei monaci.

    AMORI DA FILM - Più di Via col vento, meglio di Dante e Beatrice. Se è un primo viaggio in coppia e volete far colpo, in una sera d'estate perdetevi tra i vicoli del centro storico di Roma, fino ad arrivare a Fontana di Trevi. Innamoratevi del capolavoro del Bernini e divertitevi a interpretare la vostra ''Dolce Vita'', come Anita Ekberg e Marcello Mastroianni diretti da Federico Fellini. Niente bagno, però, o la serata finirà al commissariato. Ma c'è anche l'amore immortale cantato da Omero di Calipso per Odisseo nella grotta naturale con piscina sulfurea a Cerchiara; la Recanati dove Giacomo (Leopardi) si innamorò di Silvia, tra un giro al Palazzo di famiglia e la Torre del Passero solitario; o la casa-museo dei versi d'amore di Alda Merini, sul Naviglio grande a Milano, dove con un delicato lavoro di recupero è stato portato anche il ''muro degli angeli'', diventato nel tempo la pagina di appunti della poetessa tra aforismi, annotazioni, versi, numeri di telefono.

    CROCIERE TENENDOSI PER MANO - Se un giro ai Caraibi o una crociera nel Mediterraneo al momento non sono a portata, l'amore in Italia si può navigare anche sul canale del Brenta, l'antico alveo naturale del fiume tra Padova e Venezia e ideale prolungamento del Canal Grande. Tra arte e paesaggio, ci si imbarca a Portello, celebre per la scalinata cinquecentesca ritratta da Canaletto, e ci lascia trasportare in una sfilata unica al mondo, tra la superba villa Giovanelli di fine '600, Villa Pisani, cha fu dimora di Napoleone e dei Savoia, i molini di Dolo, villa Foscarini dove soggiornò Byron e Villa Foscari, capolavoro del Palladio. Ma si va in battello anche fra le isole Borromee o nel Parco del Delta del Po, ecosistema naturale unico per fauna e flora.

    ISOLARSI DAL MONDO - Solo voi due, lontano da tutto e da tutti. Non serve andare lontano per ritrovarsi tra atmosfere e scenari di altri mondi. Come alle Terre matildiche, in Emilia, nell'anno Mille regno di Matilde di Canossa, dove i castelli medioevali sovrastano il sorprendente paesaggio dei calanchi, frutto di erosioni millenarie. Si arriva fino a Votigno, ''il piccolo Tibet italiano'', visitato anche dal Dalai Lama. Quasi non sembra di essere in Puglia, invece, lungo il Sentiero delle orchidee del Parco nazionale del Gargano, che da gennaio a settembre colora il terreno di tappeti fioriti dal viola al giallo, dal rosa al prugna e bianco. Ma si può ritrovare anche l'infinito assoluto del deserto tra le dune della Costa verde sarda, ribattezzate il Sahara italiano. O scoprire uno dei canyon più grandi d'Europa: 130 metri d'altezza con le sommità che in alcuni tratti quasi si sfiorano impedendo ai raggi del sole di filtrare, al Parco nazionale della Sila, in Calabria.
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA