Ban Ki-moon, Carta Milano è di tutti

"Mi fa piacere sia stata tradotta anche in coreano"

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 16 OTT - "La Carta di Milano è stata tradotta in 22 lingue diverse. Mi ha fatto molto piacere vedere anche la versione in coreano. Oltre alle 6 lingue ufficiali della nazioni unite ci sono altre 16 traduzioni. Quindi questa Carta di Milano non appartiene solo agli italiani ma a tutti".

Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, rispondendo alla domanda di una ragazza nel corso della trasmissione "La vita in diretta". "E' importante che le giovani generazioni, ma anche gli adulti, i funzionari, gli uomini giovani e vecchi - ha detto Ban Ki-moon - tengano in considerazione i desideri della gente, dei migranti e di coloro che sono più vulnerabili. Come segretario generale delle Nazioni Unite vi posso garantire che entro il 2030 non ci sarà più nessuno che andrà a letto con la fame. Ci sarà anche l'uguaglianza di genere, non ci sarà più discriminazione, in particolare verso le donne". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA