Ocse, al mondo solo il 15% della plastica è riciclata

Il 25% viene incenerita, il 60% finisce nell'ambiente

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Soltanto il 15% dei rifiuti di plastica viene riciclato nel mondo. Il 25% viene bruciato in inceneritori o termovalorizzatori. Il restante 60% va in discarica, viene bruciato all'aperto (rilasciando inquinanti e gas serra) o finisce nell'ambiente. Lo rivela un rapporto dell'Ocse sul mercato della plastica riciclata.

Nell'Unione europea si ricicla il 30% in media dei rifiuti di plastica, negli Stati Uniti appena il 10%. Ma in molti paesi in via di sviluppo la raccolta e il trattamento incontrollati dei rifiuti sono ancora prevalenti. Al mondo la produzione di plastica nuova è 8 volte quella della riciclata. Il PET delle bottiglie e l'HDPE dei flaconi di detersivo sono i più riciclati (dal 19% all'85% a seconda dei paesi), mentre il polipropilene di tubi e cavi elettrici e il polistirene (meglio noto come polistirolo) sono ben poco recuperati (dall'1% al 21%).

Secondo il rapporto, il flop mondiale del riciclo della plastica è dovuto al fatto che "è ancora più conveniente fare nuova plastica che produrne di riciclata, in parte per la difficoltà di separare polimeri differenti. Inoltre, la plastica primaria può essere fatta pagare molto di più di quella riciclata, perché tende ad essere di migliore qualità. Conta anche la presenza di additivi chimici pericolosi che possono rimanere nel materiale riciclato".

Il rapporto chiede incentivi per la progettazione di oggetti di plastica facilmente riciclabili, investimenti sulle infrastrutture di raccolta e di separazione dei differenti polimeri, marchi della plastica riciclata per creare una domanda nel pubblico, l'imposizione di percentuali di materia prima riciclata nei beni, tasse più pesanti sulla produzione e l'uso di nuova plastica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA