Islanda fa rinascere foreste distrutte dai Vichinghi

Coprivano il 40% del territorio, oggi solo il 2%

Redazione ANSA ROMA

ROMA - L'Islanda vuole ripristinare le foreste che secoli fa coprivano il 40% del suo territorio e che furono distrutte dai Vichinghi per ottenere pascoli e legna da ardere. Gli alberi coprono oggi solo il 2% dell'isola, e il Servizio foreste islandese vuole arrivare al 12% nel 2100. Lo riferisce il sito ambientalista Treehugger.

L'Islanda è famosa per i suoi paesaggi senza alberi, ma il Paese non era così in origine. Quando i Vichinghi la colonizzarono nel Nono secolo dopo Cristo, era coperta di foreste al 40%. Nei secoli gli alberi furono abbattuti per ricavare pascoli e legna, fino a creare l'attuale paesaggio brullo.

Dagli anni Cinquanta il governo islandese ha cominciato a riforestare, portando la superficie boschiva dall'1% dell'epoca all'attuale 2%. Il problema è che l'albero autoctono islandese, la Betulla pelosa, non riesce più ad attecchire nel paese, a causa delle temperature più alte dovute al riscaldamento globale. Il Servizio nazionale foreste ha così cercato specie non autoctone che possano crescere bene nell'Islanda odierna: abeti rossi, pini e larici. Le sementi, provenienti soprattutto dall'Alaska e selezionate attentamente, hanno dato vita a foreste che stanno crescendo rigogliose.

L'obiettivo è arrivare al 12% del territorio coperto da boschi entro il 2100. I vantaggi sono molteplici: le foreste evitano l'erosione del terreno e assorbono il gas serra anidride carbonica, oltre ad essere un patrimonio per la popolazione e la fauna selvatica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA