Wwf, nel Mediterraneo 7% microplastiche dei mari mondiali

Turchia Spagna, Italia, Egitto e Francia i Paesi più inquinanti

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Nel bacino del Mediterraneo, che per estensione rappresenta l'1% dei mari del pianeta, è contenuto il 7% di tutte le microplastiche che inquinano gli oceani. Il dato emerge dal rapporto "Mediterraneo in trappola: salvare il mare dalla plastica", redatto dal Wwf e lanciato in occasione della Giornata mondiale degli oceani che ricorre oggi.

Tra le 70 e le 130 mila tonnellate di microplastiche (frammenti più piccoli di 5 mm) e tra le 150 e le 500 mila tonnellate di macroplastiche (equivalenti a 66mila camion dei rifiuti) finiscono ogni anno nel Mar Mediterraneo e nei mari d'Europa. La plastica rappresenta il 95% dei rifiuti in mare aperto, sui fondali e sulle spiagge del Mediterraneo e proviene principalmente da Turchia e Spagna, seguite da Italia, Egitto e Francia.

Sempre in base al report, tra le radici profonde dell'inquinamento da plastica ci sono ritardi e lacune nella gestione dei rifiuti nella gran parte dei Paesi del Mediterraneo. Dei 27 milioni di tonnellate di rifiuti plastici prodotti ogni anno in Europa (Ue più Norvegia e Svizzera), solo un terzo è riciclato, mentre la metà in paesi come l'Italia, la Francia e la Spagna finisce ancora in discarica. È infatti ferma al 6% la domanda di plastica riciclata del mercato europeo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA