Lorenzin, Voteremo 'no' a rinnovo glifosato

Attivisti Greenpeace al ministero, 'siamo soddisfatti'

Redazione ANSA ROMA

"Non è un mistero, l'Italia vota 'no': noi abbiamo già votato due volte 'no', perché dovremmo votare 'sì' questa volta?". Lo ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin agli attivisti di Greenpeace, che stamani hanno protestato davanti al ministero della Salute per chiedere di opporsi al rinnovo dell'autorizzazione al glifosato il prossimo 25 ottobre, quando i Paesi Ue saranno chiamati a votare. Greenpeace in mattinata ha allestito un tavolo di pietanze per offrire un simbolico "aperitivo al glifosato" al ministro, e srotolato uno striscione con la scritta "La salute non è in vendita, stop glifosato".

Due attivisti, vestiti con tuta protettiva, maschera antigas ed erogatore di pesticidi a spalla, hanno simulato l'irrorazione con il glifosato del piazzale davanti al ministero e degli alimenti esposti. "Noi abbiamo risposto ufficialmente a tutti i canali, informatevi", ha affermato Beatrice Lorenzin. "Non dovete venire qui, dovete andare in Unione Europea: andate dai tedeschi, dai finlandesi, dagli svedesi, dagli spagnoli, dai greci, dai portoghesi - ha aggiunto - perché il 'no' è sempre stata la nostra posizione". "Visto che fate Greenpeace - ha detto infine il ministro - andate a farvi un giro sulle spiagge di Ostia: plastica, immondizia, schifezze varie, situazioni di inquinamento, questo dovrebbe essere il vostro compito". "Siamo molto soddisfatti, - ha commentato Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura di Greenpeace Italia - finalmente la posizione del governo italiano è chiara e inequivocabile". "Autorizzare per altri dieci anni una sostanza che sta già inquinando il nostro ambiente ed è classificata come probabilmente cancerogena per l'uomo sarebbe un gesto irresponsabile - ha aggiunto - adesso tocca agli altri Paesi europei esprimersi con altrettanta fermezza per tutelare la salute e l'ambiente".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA