Il Canada si unisce a campagna Onu contro plastica in mare

Il Paese ha già proibito la vendita di cosmetici con microsfere

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 13 SET - Il Canada dichiara guerra alla plastica in mare aderendo alla campagna CleanSeas dell'Onu, che punta a sensibilizzare governi, aziende e cittadini sulla necessità di ridurre i consumi di materiali plastici. La nazione guidata da Justin Trudeau ha spiegato che contribuirà alla campagna con misure che mirano alla prevenzione dell'inquinamento e con ricerche relative all'impatto delle microplastiche sugli ecosistemi acquatici. Finanzierà inoltre iniziative di pulizia delle spiagge.

Il Canada, primo Paese al mondo per estensione costiera con oltre 200mila chilometri di coste, è già sceso in campo per contrastare l'inquinamento marino. Nel giugno scorso ha infatti pubblicato dei nuovi regolamenti sui prodotti da bagno che vietano la produzione, l'importazione e la vendita di detergenti, esfolianti e altri cosmetici contenenti microsfere di plastica. Le microsfere sono considerate altamente inquinanti perché, per via delle loro dimensioni, non vengono filtrate dai depuratori e finiscono in mare.

"Siamo fermi nella nostra volontà di proteggere e valorizzare le coste canadesi e gli oceani, e di svolgere un ruolo da leader a livello internazionale nell'affrontare le sfide ambientali odierne e future", ha dichiarato il sottosegretario canadese all'Ambiente, Jonathan Wilkinson.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA