Produttore Gore Tex elimina PFC da suoi tessuti

Aderisce a campagna Detox di Greenpeace

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 6 FEB - Gore Fabrics, l'azienda americana che produce i tessuti impermeabili GORE-TEX, eliminerà dai suoi prodotti i PFC (perfluorocarburi), sostanze usate per l'abbigliamento impermeabile da montagna, ma sospettate di essere cancerogene. Lo annuncia oggi l'azienda stessa all'ISPO di Monaco - la principale fiera europea del settore outdoor -, riferisce Greenpecae in un comunicato.

Fin dal 2011, quando è iniziata la campagna Detox, Greenpeace chiede all'industria tessile e dell'abbigliamento di eliminare tutti i composti chimici pericolosi. Alla campagna hanno partecipato migliaia di persone, amanti della natura e delle attività all'aria aperta, che hanno chiesto ai loro marchi preferiti prodotti privi di PFC.

Gore Fabrics eliminerà i PFC pericolosi dai suoi principali laminati outdoor (che corrispondono all'85 per cento di prodotti realizzati con questi laminati) entro la fine del 2020 e dai laminati speciali idrorepellenti (che corrispondono al restante 15 per cento dei prodotti realizzati con questi materiali) entro la fine del 2023. Per la produzione di membrane e rivestimenti idrorepellenti, l'azienda americana svilupperà nuove tecnologie più rispettose dell'ambiente.

"I nostri prodotti sono sempre stati sicuri da indossare, ma Gore riconosce i problemi riguardanti la possibile contaminazione ambientale generata dall'uso di questo gruppo di sostanze e la necessità di introdurre sul mercato tecnologie più sicure per l'ambiente" dichiara Bernhard Kiehl, responsabile Sostenibilità di Gore Fabrics.

"L'impegno di Gore Fabrics, il più importante fornitore di tessuti idrorepellenti - commenta Chiara Campione di Greenpeace Italia - manderà definitivamente in pensione l'utilizzo dei PFC nell'intero settore dell'abbigliamento e attrezzature outdoor".

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA