In Trentino 4 milioni per un distretto produttivo green

Incentivi alle imprese per ricerca, assunzioni e macchinari

Redazione ANSA TRENTO
(ANSA) - TRENTO, 10 GEN - Un distretto "green economy" a Pieve Tesino. La Provincia autonoma di Trento, tramite Trentino Sviluppo, potrà mettere a disposizione 4 milioni di euro per la ristrutturazione di quella che fu la sede produttiva dell'industria tessile sportiva Bailo a favore di aziende impegnate nel settore biologico, della bioedilizia in legno, della cosmesi naturale, dell'agroalimentare. Lo stabile, che interessa complessivamente una superficie di due ettari con oltre 3.300 metri quadri di superficie coperta e un volume di 46.000 metri cubi, potrà essere gestito da un'unica realtà o frazionato per favorire la realizzazione di un distretto produttivo, aprendo le porte a una presenza eterogenea di aziende. Trentino Sviluppo punta così alla creazione di una nuova "Casa per le aziende" innovative . Sono previsti incentivi fino all'80% a fondo perduto per la ricerca industriale, includendo know-how tecnico e brevetti, macchinari e materiali, spese generali. Per le assunzioni vengono erogati contributi fino a un massimo di 60%. I sostegni agli investimenti fissi si attestano al 15% per macchinari nuovi e prevedono un'addizionale del 13%, in caso di new.co. Per i primi 5 anni, l'Irap viene annullata.

Trentino Sviluppo fornisce inoltre supporto e assistenza, seguendo l'impresa nella formazione e nell'internazionalizzazione, fornendo servizi di consulenza, e mettendo in contatto le aziende con i principali centri di ricerca trentini. Il Comune di Pieve Tesino ha concesso, per la ristrutturazione della struttura, il superamento del Piano Regolatore del 2016, che prevedeva una riqualificazione dell'area con destinazione urbanistica a uso commerciale o per servizi. L'amministrazione è oggi aperta a definire ulteriori destinazioni urbanistiche da individuare. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA