Ministero della Salute, i sacchetti bio si possono portare da casa

Circolare: devono essere monouso, per alimenti, compostabili

Redazione ANSA ROMA

ROMA - I clienti dei supermarket possono portarsi da casa i sacchetti per l'ortofrutta e non sono obbligati a prendere quelli forniti a pagamento dal negozio. I sacchetti dei consumatori devono però avere le stesse caratteristiche di quelli dei supermarket: monouso, nuovi, adatti per gli alimenti e compostabili (cioè biodegradabili in 3 mesi). Lo prevede una circolare del Ministero della Salute diffusa oggi (lunedì 30), a seguito della sentenza del Consiglio di Stato del 21 marzo scorso che aveva dato l'ok ai sacchetti da casa.

Sulla circolare si legge che "deve ammettersi la possibilità di utilizzare - in luogo delle borse ultraleggere messe a disposizione, a pagamento, nell'esercizio commerciale - contenitori alternativi alle buste in plastica, comunque idonei a contenere alimenti quali frutta e verdura, autonomamente reperiti dal consumatore". Quindi "non pare possibile che gli operatori del settore alimentare possano impedire o vietare tale facoltà di utilizzo". Tuttavia, prosegue il Ministero della Salute, "laddove il consumatore non intenda acquistare il sacchetto ultraleggero commercializzato nell'esercizio commerciale per l'acquisto di frutta e verdura sfusa, può utilizzare sacchetti autonomamente reperiti solo se idonei a preservare l'integrità della merce e rispondenti alle caratteristiche di legge". Quindi, "alla luce del parere del Consiglio di Stato... deve trattarsi di sacchetti monouso (quindi, non riutilizzabili), nuovi (quindi, non utilizzati in precedenza), integri, acquistati al di fuori degli esercizi commerciali, conformi alla normativa sui materiali a contatto con gli alimenti e aventi le caratteristiche 'ambientali'" previste dalle legge 123/2017, che ha introdotto l'obbligo dei sacchetti compostabili a pagamento per l'ortofrutta. "Ciascun esercizio commerciale - conclude il Ministero - sarà dunque tenuto alla verifica dell'idoneità e della conformità a legge dei predetti sacchetti utilizzati dal consumatore", potendo "vietare" i "sacchetti non conformi". Il Ministero della Salute vede "possibili criticità" legate alla "diversità di peso dei contenitori alternativi" rispetto alle buste dei supermarket. Le bilance delle casse "sono tarate in modo da sottrarre dal peso di frutta e verdura la tara del sacchetto messo a disposizione del cliente (4-6 grammi circa). L'uso dei 'contenitori alternativi' acquistati al di fuori degli esercizi commerciali impedirebbe il calcolo corretto della tara". Su questo "si reputa opportuno acquisire l'avviso del Ministero dello Sviluppo economico".

Codacons, Ministero ha accolto nostra diffida. "Importante vittoria del Codacons sulla vicenda dei bio-shopper a pagamento nei supermercati entrati in vigore in Italia lo scorso 1 gennaio. Il Ministero della salute ha infatti accolto la diffida presentata dall'associazione in cui si chiedeva di consentire ai consumatori l'utilizzo di sacchetti per la spesa, borse o retine riutilizzabili e di emanare con urgenza la relativa circolare". Lo scrive il Codacons in una nota.

Unione consumatori, ma resta divieto per le retine. "La circolare del Ministero della Salute sui sacchetti bio non risolve un bel nulla, perché non consente di portare le borse riutilizzabili da casa, ma solo quelle nuove". Lo afferma in un comunicato Massimiliano Dona, presidente dell'Unione nazionale consumatori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA