Responsabilità Editoriale Gruppo Italia Energia

Francia, richiesta record di energia nucleare Edf

Da 73 concorrenti una domanda di Arenh 2020 di 147 TWh, superiore al tetto di 100 TWh (articolo di Quotidiano Energia)

Quotidiano Energia - “La Cre rinnova la sua raccomandazione alle autorità francesi ed europee di aumentare il tetto dell’Arenh, che non è più adatto alla situazione attuale del merccato dell’elettricità francese”. E’ l’appello lanciato dal regolatore transalpino contestualmente all’annuncio di un volume di richieste record – e di gran lunga superiore all’offerta - pervenute per l’Arenh, l’energia nucleare che dal 2011 Edf deve cedere ai concorrenti in forza delle legge “Nome” sull’apertura del mercato a un prezzo fisso di 42 €/MWh.

Un totale di 73 fornitori hanno presentato per l’anno 2020 richieste per 147 TWh (al netto delle forniture per le perdite dei gestori delle reti e le filiali di Edf), a fronte di un tetto di 100 TWh. Considerato che “non è stata registrata alcuna domanda individuale sproporzionata”, la Cre ha ripartito prorata il volume Arenh disponibile: ciascun fornitore riceverà il 68% di quanto richiesto.

L’Arenh, bocciato l’anno scorso dalla Corte dei Conti francese secondo cui il sistema penalizzerebbe Edf, è da tempo oggetto di un aspro dibattito e una proposta di riforma messa a punto dal Governo è attualmente in discussione con la Commissione europea. In questo quadro, la Cre preparerà un’analisi sul crescente squilibrio tra la domanda di Arenh e il tetto previsto.

Nel 2012 l’elettricità Arenh richiesta dai concorrenti di Edf era ammontata a 60,8 TWh, nel 2013 a 64,3 TWh e nel 2014 a 71,4 TWh, per poi crollare a 32,1 nel 2015 e a zero nel 2016 a seguito della discesa dei prezzi elettrici sul mercato all’ingrosso. Negli anni successivi si è registrata una graduale ripresa: 82,1 TWh nel 2017, 96,3 TWh nel 2018 e 132,98 TWh nel 2019.