Responsabilità Editoriale Gruppo Italia Energia

Mercato camion, a maggio frena il Gnl

Le immatricolazioni sono 23 contro le 28 dello scorso anno, ma nei cinque mesi la crescita resta oltre il 31%. Anfia: “Serve al più presto il decreto investimenti”. Nel mese gli e-bus superano ibridi e metano (Articolo di Quotidiano Energia)

Quotidiano Energia - Frenata a maggio per le immatricolazioni di camion a Gnl. Secondo i dati Anfia, nel mese sono stati registrati infatti 23 autocarri (con Ptt oltre i 3.500 kg) alimentati a metano liquido, 5 in meno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Sempre su base tendenziale, il progresso nei cinque mesi di questa alimentazione rimane comunque al 31,6%: 721 unità rispetto alle 548 del periodo gennaio-maggio 2018.
Nel suo complesso, il mercato dei mezzi pesanti registra a maggio un passo avanti del 5,3%, frutto della crescita delle immatricolazioni diesel del 6% a 2.248 unità. Il passivo dei veicoli a gasolio nei 5 mesi si assottiglia quindi fino al -10,2%. I mezzi a metano immatricolati passano a maggio da 45 a 20 (+53,6% invece nei cinque mesi), gli ibridi da 11 a 17 (-16,7% nei cinque mesi) e gli elettrici da 1 a 2 (+100% nei cinque mesi).

“Per evitare un andamento altalenante del mercato”, Anfia auspica nuovamente in una nota che “il decreto investimenti per l’annualità 2019/2020 sia al più presto emanato”, dopo la scadenza il 15 aprile scorso delle agevolazioni 2018/2019.

Quanto agli autobus, infine, a maggio si registrano 304 immatricolazioni diesel (erano 376 nello stesso mese dell’anno scorso), 3 a metano (da 26), 14 di veicoli ibridi (da 0) e 19 di mezzi elettrici (da 7). Nei cinque mesi sono stati venduti 1.420 bus diesel (da 1.632), 72 a metano (da 114), 96 ibridi (da 13) e 46 elettrici (da 19).