Clima: FFF, l'Italia deve arrivare a zero emissioni nel 2030

Per il movimento di Greta venerdì 29 il quarto sciopero globale

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 26 NOV - Zero emissioni di gas serra in Italia al 2030. E' una delle richieste dei ragazzi di Fridays For Future Italia, il movimento di Greta Thunberg, che venerdì 29 scenderanno in piazza per il 4/o Sciopero globale del clima.

Il programma di FFF Italia (si legge sul profilo Facebook del movimento) è riassunto in tre punti, le cui iniziali formano la parola FU.TU.RO.: "FUori dal fossile: raggiungimento dello 0 netto di emissioni a livello globale nel 2050 e in Italia nel 2030, per restare entro i +1,5 gradi di aumento medio globale della temperatura. TUtti uniti, nessuno escluso: la transizione energetica deve essere attuata su scala mondiale, utilizzando come faro il principio della giustizia climatica. ROmpiamo il silenzio, diamo voce alla scienza: questa riduzione delle emissioni è geofisicamente possibile. La scienza e la tecnologia per questa transizione ci sono. Sappiamo come fare, manca la volontà politica ed economica per farlo".

Su Facebook, FFF Italia spiega che "il 4th Global Day of Climate Action sarà qualcosa di diverso dalle solite marce che abbiamo sempre fatto, saremo di nuovo per le piazze con tanti eventi di varia natura, da flash mob a sit-in. Vogliamo puntare l'attenzione sulla COP, la conferenza sul clima convocata dall'ONU a Madrid, dal 2 all'11 dicembre. Vogliamo far sentire il nostro fiato sul collo a tutti i politici e i delegati che rappresenteranno le nazioni".

"Questa COP e quella successiva - scrive ancora il movimento - saranno cruciali per garantire gli obiettivi di azzeramento di emissioni al 2050 (ma noi paesi occidentali dovremmo farlo ben prima, al 2035). Le azioni individuali da sole non bastano assolutamente più. Servono azioni politiche. E servono urgentemente - se vogliamo sperare di avere un futuro!". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA