Emissioni CO2 tornate a salire, +1,4% nel 2017

IEA, a causa ripresa economica, nonostante l'Accordo di Parigi

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Le emissioni del gas serra anidride carbonica (CO2) sono aumentate dell'1,4% nel 2017 (un aumento di 460 milioni di tonnellate), arrivando al record storico di 32,5 giga-tonnellate. L'aumento dell'anno scorso è venuto dopo tre anni di emissioni stabili: è il risultato di una robusta crescita economica mondiale (+3,7%), bassi prezzi dei combustibili fossili e sforzi insufficienti verso l'efficienza energetica. Lo rivela il primo rapporto dell'Agenzia internazionale per l'energia (IEA) "Energia globale e situazione della CO2".

L'aumento delle emissioni di anidride carbonica, scrive la IEA, "contrasta con la netta riduzione necessaria per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul cambiamento climatico".

La maggior parte delle grandi economie del pianeta ha visto un aumento delle emissioni, ma alcune hanno registrato dei cali.

Fra queste, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, il Messico e il Giappone. Il calo di CO2 dal settore energetico statunitense nel 2017 (-0,5%) è stato dovuto a una maggiore produzione dalle fonti rinnovabili e da una riduzione nella domanda di elettricità.

Nel complesso, le economie dell'Asia rappresentano i due terzi dell'aumento globale delle emissioni. Nell'Unione Europea le emissioni sono aumentate dell'1,5%, a causa di un aumento dell'uso di petrolio e gas, annullando alcuni dei progressi fatti negli ultimi anni. Il miglioramento dell'efficienza energetica nell'Unione nel 2017 è rallentato al +0,5%, contro il +1,3% del 2016.

Ong, Francia ha mancato 8 dei 9 obbiettivi 2017 sul clima. La Francia, patria dell'Accordo di Parigi sul clima nel 2015, nel 2017 ha mancato 8 dei suoi 9 obiettivi per contenere il riscaldamento globale. Lo sostiene una ricerca dell'Osservatorio per l'energia e il clima, formato dalle ong francesi Reseau Action Climat e Cler-Reseau. La Francia non ha raggiunto i risultati prefissati nel risparmio di energia (+4,2% rispetto al target), nella riduzione della percentuale del nucleare nel mix energetico (+2,6%), nell'aumento della percentuale di fonti rinnovabili (-12,8%), nella riduzione del consumo di energia da fonti fossili (+4,5%), nel taglio delle emissioni globali di gas serra (+6,7%), nel taglio delle emissioni dal settore trasporti (+10,6%), dal settore costruzioni (+22,7%) e dal settore agricolo (+3,2%). Solo le emissioni di gas serra dal settore industriale hanno raggiunto l'obiettivo di riduzione prefissato, superandolo di uno 0,8%. Per la ricercatrice Anne Bringault che ha coordinato lo studio, "gli obiettivi erano molto ambiziosi, e questo potrebbe spiegare lo scarto. Ma questo avviene anche perché dobbiamo ancora cambiare marcia nell'innovazione". Secondo Bringault "quando siamo vicini al 3% del deficit, il governo è disperato. Dovrebbe essere lo stesso quando sforiamo il nostro budget delle emissioni di carbonio del 6%".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA