Record di espositori per Zoomark International 2019

Si è chiusa a BolognaFiere, focus su mercati esteri e tecnologia

Redazione ANSA BOLOGNA

Aumento significativo di visitatori dall'estero e presenza record di oltre 700 espositori per la 18/a Zoomark International, fiera sul mondo degli animali domestici che si è chiusa ieri nel capoluogo emiliano.

Organizzata da BolognaFiere col patrocinio dell'Associazione tra le imprese per l'alimentazione e la cura degli 'amici dell'uomo' (Assalco) e dell'Associazione medici veterinari (Anmvi), la rassegna quest'anno si è concentrata in particolare sulle opportunità di business per Stati Uniti, Canada, Russia, Gran Bretagna, Cina, India e Repubblica Ceca.

"Quello del 'pet' è un mercato che si è evoluto negli anni - ha spiegato Antonio Bruzzone, direttore generale di BolognaFiere - Zoomark si conferma l'evento più importante in Europa: una grande piattaforma espositiva che anche quest'anno ha accolto un numero considerevole di buyer, di cui oltre il 40% provenienti dall'estero, in crescita del 23% rispetto all'edizione 2017".

Tra le centinaia di nuovi prodotti presentati in fiera i riflettori si sono accesi su quelli alimentari, con formule sempre più calibrate sulle esigenze nutrizionali degli animali, che propongono ingredienti sempre più selezionati. Anche la tecnologia applicata allo sviluppo dei prodotti si mette al servizio degli animali domestici: l'evento è stato vetrina per cucce costruite in materiali isolanti, brandine e cuscini ortopedici e in 'memoryfoam', per giochi interattivi e collari dotati di Gps. In generale è emersa una sempre maggiore sensibilità verso prodotti e materie prime biologiche, cicli produttivi sostenibili, imballaggi riciclabili. Iniziativa speciale di Zoomark 2019 è stata Aqua Project, con un progetto studiato per dare ancor più rilievo all'industria del settore acquariofilo e coinvolgere direttamente le aziende del comparto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: