Traffico di cuccioli a Rimini, l'Enci parte civile

Iniziativa giudiziaria associazione anche in casi analoghi

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - L'Enci, l'ente nazionale della cinofilia italiana, si costituirà parte civile contro i responsabili del traffico illegale di migliaia di cani dallo Slovacchia che, il 7 febbraio scorso, ha portato a sette arresti e al sequestro di un centinaio di cuccioli, con documentazione di provenienza e di razza falsi, a Rimini. Analoga iniziativa giudiziaria sarà presa contro chi sarà accusato di reati analoghi. Lo rende noto il presidente nazionale, Dino Muto.

"Procederemo ogni volta a tutela degli animali - ha spiegato Muto - e in particolare contro chi compie queste truffe impietose e continua ad alimentare un traffico di cani dai Paesi dell'Est tramite l'importazione e il commercio illegale di cuccioli". L'operazione delle forze dell'ordine, ha concluso, "è stata molto importante per la salvaguardia dei cani di razza, per il benessere degli animali e per la difesa degli allevatori dell'Enci che con passione e competenza operano in Italia".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: