Sindaco abruzzese vieta ai cittadini di sfamare i gatti

Animalisti insorgono. Amministratore, divieto per igiene, solo in strade senza verde

Redazione ANSA COCULLO (L'AQUILA)

COCULLO (L'AQUILA) - Tempi duri per i gatti di Cocullo, centro abruzzese conosciuto per il rito dei Serpari in occasione della festa di San Domenico: il sindaco Sandro Chiocchio ha emesso un'ordinanza che vieta la somministrazione di alimenti ai gatti, così da fermare il proliferare del randagismo in paese, in particolare nelle vie del centro storico.
    Con l'avanzo dei pranzi, piccole dosi di latte e gustosi pezzi di carne, vengono nutriti anche i gatti randagi, che però fanno i propri bisogni fisiologici lungo le strade del piccolo centro, ormai infestato da orine ed escrementi, "dando luogo a seri problemi di carattere igienico-sanitario".
    Lo stesso sindaco ha deciso l'ordinanza come soluzione estrema, perché "nonostante antiestetiche e anacronistiche lettiere, il problema non solo resta irrisolto, ma si è addirittura aggravato. E sono in aumento le proteste e lamentele di cittadini, letteralmente nauseati dal cattivo odore diffuso dai bisogni sparsi ovunque dai felini".

Animalisti, revocare provvedimento. "Il sindaco di Cocullo deve annullare immediatamente l'ordinanza emessa contro i gatti randagi. Se non lo fa daremo mandato ai nostri legali di procedere ai sensi di legge contro la sua persona denunciandolo alle autorità competenti per maltrattamento di animali". La richiesta di revoca dell'ordinanza emessa dal sindaco del piccolo centro della Valle Sagittario, il 'regno dei serpari' protagonisti della tradizionale festa di S.Domenico, arriva da Walter Caporale, presidente di Animalisti Italiani onlus.

"L'ordinanza è illegale - sostiene Caporale - le colonie feline sono tutelate dalla legge 281 del 1991 che vieta a chiunque di maltrattare i gatti che vivono in libertà. Il randagismo si previene attraverso la sterilizzazione. La responsabilità è dell'autorità sanitaria competente per il territorio. Imporre il digiuno è illegittimo se non crudele, è quanto viene stabilito da sentenze pronunciate dal Tar Lazio e dal Tar Puglia. I comuni non possono vietare la somministrazione di alimenti a cani e gatti randagi con contenitori sulle aree pubbliche. Il provvedimento del sindaco è privo delle condizioni richieste dalla legge per essere riconosciuto giuridicamente valido per difetto di istruttoria e di motivazione, poiché non avrebbe fornito alcuna prova o studi sui 'seri problemi di carattere igienico-sanitario', e tantomeno non risulterebbe che abbia richiesto un parere all'Asl, organismo deputato alla sorveglianza sul fenomeno del randagismo".

Sindaco, divieto solo in strade prive di verde. "L'ordinanza non è né contro i gatti, né contro i cittadini che danno loro cibo". Il sindaco di Cocullo, Sandro Chiocchio, replica alle accuse e alle invettive piovutegli addosso da tutta Italia subito dopo la pubblicazione della notizia. "Le strade oggetto di ordinanza sono quelle in cui non è presente alcuna area verde dove i gatti possano espletare i propri bisogni fisiologici e, essendo continuamente ingozzati di cibo fino allo stare male, producono escrementi che rendono impraticabili le stesse strade, minando la salute pubblica: sfido chiunque a far giocare un bambino su strade così mal ridotte" precisa il sindaco. "Avendo tentato per lungo tempo di sensibilizzare in ogni modo a limitare l'eccessivo nutrimento dei gatti in quelle aree, e avendo addirittura posizionato delle apposite lettiere lungo le suddette vie, ad oggi la situazione è diventata insostenibile, nonostante la continua pulizia - sottolinea Chiocchio - il provvedimento si è reso perciò necessario e fatto in accordo con le persone che principalmente nutrono abitualmente gli animali, concordando che per il bene della collettività e dei gatti stessi questi possano essere nutriti anche a poche decine di metri di distanza da tali strade principali, essendo il borgo di piccole dimensioni e immerso nel verde".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: