Arsenico, in Lazio e Toscana 110 comuni sforano limite

Hanno una deroga in attesa di rispettare 10 micro grammi/litro

Redazione ANSA ROMA

Sono 110 e concentrati in Lazio (90) e Toscana (11) i Comuni in cui la concentrazione di arsenico nell'acqua non riesce ancora a rientrare nei limiti stabiliti dalla legge, cioè 10 microgrammi per litro e quindi possono godere di una deroga che alza il limite massimo a 20. E' quanto indica l'Istituto di ricerca sulle acque del Consiglio nazionale delle ricerche (Irsa-Cnr) sulla base di una elaborazione Cittadinanzattiva-Legambiente.
    Il provvedimento di deroga interessa in totale oltre 963mila persone, la maggior parte a Viterbo (315.523) e poi a Latina e Roma per il Lazio mentre in Toscana la popolazione più colpita è nella provincia di Livorno (105.431), seguita da quelle di Arezzo, Pisa e Siena.
    E' una normativa europea che prevede una quantità massima di 10 μg/l di arsenico nelle acque destinate a consumo umano, valore limite che mira ad assicurare una condizione sicurezza nell'intero arco della vita. Sono previste deroghe triennali e gli stati membri possono richiederle per un numero massimo di tre volte per risolvere i problemi che non consentono il temporaneo rispetto del valore limite e non per chiedere altre deroghe.
    Nel complesso, "in Italia l'acqua è di buona qualità tanto che abbiamo il terzo posto in Europa", spiega il direttore dell'Isra-Cnr, Vito Felice Uricchio precisando che la presenza di arsenico nell'acqua è "abbastanza diffusa" ed è "legata all'assetto geologico", in particolare all'origine vulcanica delle rocce, oppure all'azione dell'uomo, cioè all'industria o all'uso di erbicidi. Guardando la mappa delle falde acquifere in Italia, l'arsenico supera il limite di legge oltre che in Lazio e Toscana, anche in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Campania e Sardegna ma, spiega Uricchio, il problema viene aggirato prelevando "acqua di ottima qualità da invasi, laghi e altri bacini".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA