Reti acquedotti vecchie, il 60% ha più di 30 anni

Blue book, al Centro 46% perdite; l'11% dei cittadini non ha depurazione

Redazione ANSA ROMA

''Le reti presentano un elevato grado di vetustà, tanto che il 60% delle infrastrutture è stato messo in posa oltre 30 anni fa (percentuale che sale al 70% nei grandi centri urbani); il 25% di queste supera i 50 anni (arrivando al 40% nei grandi centri urbani)''. Questo quanto emerge dal 'Blue Book' 2017, lo studio sul settore idrico promosso da Utilitalia (l'associazione delle imprese di acqua ambiente e energia), realizzato dalla Fondazione Utilitatis con il contributo di Cassa depositi e prestiti, e presentato oggi a Roma.  ''Le perdite delle reti degli acquedotti - si legge nella ricerca - hanno percentuali differenziate: al Nord ci si attesta al 26%, al Centro al 46% e al Sud al 45%''. 

 E' "prioritario" il fabbisogno di "investimenti sulla 'depurazione delle acque reflue'. Circa l'11% dei cittadini, infatti, non è ancora raggiunto dal servizio di depurazione", emerge dal 'Blue Book' 2017. "La conseguenza, oltre ad incalcolabili danni per l'ambiente e la qualità delle acque marine e di superficie, è nelle sanzioni europee comminate all'Italia - si osserva nello studio che cita i tre contenziosi a livello europeo del nostro Paese sull'argomento - colpevole di ritardi nell'applicazione delle regole sul trattamento delle acque". "Complessivamente, con gravità diverse e relative sanzioni differenziate - viene spiegato dal 'Blue Book' - sono colpiti 931 agglomerati urbani", in relazione ai tre contenziosi Ue. La maggior parte di questi sono concentrati "nel Mezzogiorno e nelle Isole e si trovano in territori gestiti direttamente dagli enti locali e non attraverso affidamenti a gestori industriali".  

L'Italia resta ancora uno dei Paesi "con i livelli tariffari più bassi. A livelli internazionale lo stesso metro cubo di acqua che a Berlino costa 6,03 dollari, ad Oslo 5,06 dollari, a Parigi 3,91 e a Londra 3,66 dollari, a Roma si paga soltanto 1 dollaro e 35 centesimi. Nel livello tariffario idrico l'Italia è seconda soltanto ad Atene e Mosca" si legge nel Blue Book.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA