Coronavirus, da alta sartoria a mascherine

Atelier del Napoletano sospende abiti e produce presidii

(ANSA) - NAPOLI, 20 MAR - Ha sospeso, temporaneamente, la produzione di abiti di alta sartoria e, in attesa che i tempi cambino si è messo a produrre mascherine: emulando anche altri suoi colleghi e non, anche Massimiliano Sorvino, fondatore del marchio partenopeo Sartoria Italiana, sta cercando di dare il suo contributo alla lotta contro il coronavirus. Ora, nella sua sartoria si stanno producendo mascherine. "In un momento come questo - dice Sorvino - ognuno di noi deve dare il suo contributo. Ho parlato con i sindaci di Afragola, Casoria, Cardito e Villaricca e cercheremo di realizzare nel minor tempo possibile un numero tale di mascherine da poter affrontare almeno questa imminente emergenza, ovviamente - conclude l'imprenditore - le mascherine le doneremo". Un'iniziativa insomma che dimostra innanzitutto il grande cuore delle persone e lo spirito di collaborazione in un momento molto critico per l'Italia. Le prime mascherine saranno consegnate martedì prossimo a tutti e quattro i comuni. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie