Revocata la cittadinanza a Mussolini

Tra motivazioni aggressione ad Amendola, residente a Sarno

La giunta comunale di Sarno (Salerno), all'unanimità, ha revocato la cittadinanza onoraria che fu conferita dall'amministrazione dell'epoca a Benito Mussolini il 23 maggio 1923. Il Consiglio comunale ora dovrà solo ratificare l'atto deliberativo approvato dall'esecutivo di centrosinistra guidato dal sindaco Giuseppe Canfora. "Secondo numerosi storici - si legge nella delibera - Benito Mussolini fu considerato anche il mandante politico della vile aggressione nei confronti di Giovanni Amendola originario di Sarno a cui è intitolata l'aula consiliare del Comune (...). La cittadinanza onoraria, a suo tempo conferita, risulta, pertanto, incompatibile con i valori di cui il Comune di Sarno e la sua comunità sono oggi portatori oltre ad essere in contrasto con l'art. 7 comma 1 dello Statuto del Comune stesso".
"Non possiamo - ha spiegato il primo cittadino Canfora - essere la città di Giovanni Amendola e poi avere come cittadino onorario il mandante del suo assassinio".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Universiade 2019
       (ANSA)

      Ecco i nuovi spogliatoi del Napoli

      Basile, tabella di marcia rispettata.Fine lavori inizi settembre


       (ANSA)

      Universiade: mini-rugby at Boscotrecase

      Local stadium's field was restored for 2019 Universiade


       (ANSA)

      Nuovo manto, minirugby a Boscotrecase

      Ipotesi Cittadella dello Sport con palestra e campo da basket


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere