Ingegnere ucciso: teste,vidi l'assassino

In aula ha deposto un cugino dell'imputato e della vittima

(ANSA) - NAPOLI, 16 MAG - Fu richiamato in strada dalle invocazioni di aiuto, vide l'assassino, con il volto coperto dal casco da motociclista, a cavalcioni sulla vittima mentre la accoltellava alla gola. Poi l'assassino si allontanò a piedi, e lui lo inseguì senza farsene accorgere a pochi metri, fino a quando non imboccò una stradina in salita dove poi la polizia alcune ore più tardi ritroverà abbandonato un borsone con gli indumenti e il casco. Questa, in estrema sintesi, la testimonianza di Paolo Licenziati, davanti ai giudici della prima sezione della Corte di Assise di Napoli al processo nei confronti di Luca Materazzo accusato di aver ucciso con numerose coltellate il fratello, l'ingegnere Vittorio Materazzo il 28 novembre 2015, in viale Maria Cristina di Savoia, nel quartiere Chiaia a Napoli. Il processo riprenderà il 31 maggio prossimo con l'esame in aula di altri testimoni.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Universiade 2019

Universiadi: Fit, ok intesa accordo taxi

Giuseppe De Rosa, per evento di importanza mondiale


Universiadi: Fiola, ok, ma ora certezze

Presidente Cciaa Napoli, grande evento in sé fa girare economia


Universiadi, intesa villaggio Fisciano

La mensa offrirà 5 menù in base alle nazionalità degli atleti


Vai alla rubrica: Pianeta Camere