Baby gang: guerriglia a colpi di tegole

Imprenditore su FB, guerriglia con bottiglie lanciate da ragazzi

(ANSA) - NAPOLI, 17 MAR - 'Guerriglia' con lancio di tegole e bottiglie nel centro storico Napoli tra una baby gang ed un residente esasperato. L'episodio, denunciato su Fb da Fabrizio Caliendo, imprenditore e fondatore del Kestè, in largo San Giovanni Maggiore Pignatelli, è accaduto la notte scorsa.
    Caliendo racconta che di fronte "all'ennesima rapina da parte di una gang contro un ragazzo, in vicoletto II San Giovanni Maggiore, un residente è intervenuto lanciando tegole dalla basilica di San Giovanni maggiore" per fermare il pestaggio.
    "Ci riesce e i furfanti mollano la presa, ma cominciano a lanciare bottiglie di vetro contro il residente - scrive -.
    Altre persone, ignare dell'accaduto, ma vittime innocenti del lancio di tegole, cominciano a rispondere al lancio e inizia una guerriglia tegole-bottiglie di vetro che dura per alcuni minuti.
    Riesco a fermare la guerriglia parlando con il residente, calmandolo e ascoltando le sue ragioni. Appaiono alle finestre altri residenti,tutti esasperati".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere