Uccise moglie, ergastolo al marito

Madre vittima, "questa volta è stata fatta veramente giustizia"

(ANSA) - NAPOLI, 12 FEB - É stato condannato all'ergastolo Carmine D'Aponte, riconosciuto responsabile dell'omicidio doloso aggravato dai maltrattamenti della moglie Stefania Formicola, la donna di 28 anni uccisa all'alba del 19 ottobre del 2016 a Sant'Antimo (Napoli), con un colpo di pistola al cuore. Stefania fu colpita dal marito dal quale si stava separando con il quale era ferma in auto. La sentenza è stata emessa dal gup Daniele Grumieri del Tribunale di Napoli Nord, al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato.
    "Era questo il nostro scopo, ma non mi aspettavo che lo condannassero all'ergastolo. Questa volta è stata fatta veramente giustizia", ha detto Adriana Esposito. "Lui è rimasto impassibile, - ha detto ancora la donna, che ha atteso la sentenza in aula insieme con il marito Luigi Formicola - non ha mostrato nessun segno di pentimento, neppure davanti a una sentenza così dura".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Universiade 2019

Universiadi: si discute piano sicurezza

Tavolo con forze ordine e commissario per discutere misure


 (ANSA)

Universiadi: venerdì sopralluogo su nave

Commissari in visita: previsti tavoli su sicurezza e trasporti


Universiadi:parte gara per vasca warm up

Lavori per oltre 2 milioni per garantire riscaldamento atleti


Vai alla rubrica: Pianeta Camere