Intervento bloodless per Testimone Geova

Dissezione aorta, paziente con volo-ambulanza da Napoli a Torino

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Un napoletano di 62 anni, colpito da dissezione aortica, è stato salvato al Maria Pia Hospital di Torino, grazie a una innovativa tecnica chirurgica che non prevede trasfusioni di sangue. L'uomo è Testimone di Geova e, nel rispetto del suo credo, ha rifiutato l'intervento con la tecnica tradizionale, che prevede numerose trasfusioni. Per il trasferimento da Napoli, primo caso in Italia per una dissezione aortica, è stato utilizzato un volo-ambulanza.
    L'operazione, all'inizio di gennaio, è stata resa nota soltanto oggi. Struttura di Alta Specialità di GVM Care & Research, il Maria Pia Hospital è specializzato nella chirurgia bloodless. L'intervento è durato cinque ore ed è perfettamente riuscito. Il paziente sta bene e presto potrà tornare alla sua normale quotidianità.
    La tecnica utilizzata, utile non solo per i Testimoni di Geova, punta a ridurre al minimo le perdite di sangue e al suo recupero nelle singole fasi procedurali.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Universiade 2019

Universiadi: a Castellammare allenamenti

Restyling dello stadio Romeo Menti con 500 mila euro


Universiadi: Msc Lirica villaggio marino

Lunga 275 metri, ha 976 cabine per 2679 passeggeri


Universiadi, contratto pista San Paolo

Lavori riguardano anche spogliatoi dello stadio


Vai alla rubrica: Pianeta Camere