Voto scambio, indagati tre esponenti FI

Luigi, Armando Cesaro e Flora Beneduce. "Giustizia a orologeria"

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Voti in cambio di favori: è quanto gli inquirenti della Procura della Repubblica di Napoli Nord contestano al deputato di Forza Italia Luigi Cesaro, indagato per voto di scambio insieme con il figlio Armando, capogruppo azzurro in Consiglio regionale, e con la consigliera forzista Flora Beneduce. I tre politici hanno ricevuto avvisi di conclusione indagini per fatti relativi alle elezioni regionali del 2015. Tra gli episodi contestati la presunta raccomandazione di un praticante per entrare in uno studio legale che Cesaro avrebbe promesso ad un elettore in cambio di voti per il figlio, ma anche il pagamento di abbonamenti ad alcuni elettori presso la piscina di Portici (Napoli) di proprietà dei Cesaro.
    Per Forza Italia Campania si tratta di "giustizia ad orologeria". "Ormai non sorprendono più gli interventi giudiziari alla vigilia di consultazioni elettorali - viene evidenziato in una nota - e puntuali, come in passato, giunge, con l'immancabile clamore mediatico".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere