Sudan, Italia per autoimprenditorialità

Ambasciatore Lobasso: trasferiamo macchinari ma anche conoscenze

(ANSA) - NAPOLI, 22 NOV - Rafforzare il know how degli studenti dei programmi universitari di Computer Science e Information Technology, affiancare i docenti nell'azione di orientamento professionale e i funzionari dei ministeri interessati per creare stabili relazioni tra università e contesti amministrativi e imprenditoriali locali, promuovere stage nel Paese. Questi i tre principali obiettivi perseguiti dall'Italia nel progetto Inso, gestito dal Ministero dell'Interno. Il trasferimento di conoscenze, è stato spiegato in un incontro nella sede di Napoli del Cnr-Iriss (Istituto di ricerca su innovazione e servizi per lo sviluppo diretto da Alfonso Morvillo) ha riguardato diversi ambiti tra cui l'auto-imprenditorialità. "Il progetto - ha detto l'ambasciatore in Sudan Fabrizio Lobasso - mette insieme due anime della cooperazione: la necessità di ricevere qualcosa, come semi per coltivare un nuovo prodotto o un macchinario agricolo, e, dall'altra, l'empowerment. Vogliono imparare per diventare autosufficienti in tanti settori''.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA