'Suggestioni' con 'Il cunto di Maruzza'

Pausilypon, sabato in programma quarta serata della rassegna

(ANSA) - NAPOLI, 15 GIU - Sabato sera a Napoli in scena 'Il cunto di Maruzza' con Rosario Sparno e Antonella Romano per la quarta serata della rassegna 'Pausilypon suggestioni all'imnbrunire'. Quello che viene presentato è un "cunto" della tradizione siciliana. Un racconto, che si svolge su un'isola abitata da sirene e uomini forti, che richiama i personaggi dell'Odissea di Omero, e si snoda tra magia, fantasia e realtà sullo sfondo di leggende arcaiche e superstizioni della Sicilia di fine '800 e inizio '900. Quella che viene proposta è una storia mostruosa e seducente come lo sono le storie antiche dove cielo e mare si incontrano. Una donna ricama con le sue mani sculture di ferro; Un uomo dona lucentezza a quelle sculture con acqua di mare. Due fratelli, due artigiani, si fanno compagnia, mentre lavorano alla loro opera più magica, una lunga coda di sirena. "Il cunto" è condiviso, sussurrato, in siciliano, incantevole lingua, che è musica per chi vuole raccontare, per chi desidera ascoltare e farsi compagnia.Attenti a non tagliarsi con quel filo che cuce, che fila e che sfila ed ha sapore di ferro, di mare e di vendetta. Produzione Casa del Contemporaneo - Progetto della Compagnia Bottega Bombardini adattamento e regia di Rosario Sparno, installazioni Antonella Romano, costumi Alessandra Gaudioso. LA MISSION A seguito del taglio del nastro per l’Odeion, avvenuto il 3 giugno scorso - restaurato grazie ai proventi della rassegna giunta alla sua IX Edizione - il nuovo palcoscenico rivestito da pregiati legni viene ricalcato da Rosario Sparno e Antonella Romano (dopo l’inaugurazione di Roberto Azzurro in “Scarrafunera” – testo di Cristian Izzo). Prosegue così il calendario di eventi che coniugano divulgazione scientifica ed arte senza utilizzare allestimenti scenici, elettronici ed infrastrutturali che possano in qualunque modo alterare il fascino naturale del sito archeologico. Una Rassegna in punta di piedi per celebrare la straordinaria bellezza di un luogo che ancora oggi restituisce intatta l’essenza stessa del suo nome: Pausilypon («tregua dal pericolo» o «che fa cessare il dolore»). Un omaggio che ogni anno si traduce in azioni concrete per la conservazione del sito. La rassegna “Pausilypon. Suggestioni all’Imbrunire” è ideata e curata dal Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus presieduta da Maurizio Simeone, con la direzione artistica di Francesco Capriello e Stefano Scognamiglio, d'intesa con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Città di Napoli e con il patrocinio morale del Comune di Napoli. Main Partner di questa IX Edizione è il prestigioso Hotel Palazzo Caracciolo, che ha sposato in pieno la mission della Rassegna. VISITA GUIDATA E DEGUSTAZIONE L’ appuntamento di sabato 10 giugno, avrà inizio con un percorso ricco di suggestioni dall'imponente Grotta di Seiano, fino all’incontro con gli artisti presso l'area dei teatri. Prima dello spettacolo sarà offerta una degustazione delle eccellenze enologiche campane, selezionate anche quest'anno grazie alla preziosa collaborazione dall'associazione AgerCampanus.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA