Miss picchiata, conferma condanna 8 anni

Per pestaggio asportata milza, gelosia punitiva è motivo abietto

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - La Cassazione ha confermato la condanna a 8 anni di reclusione per lesioni gravissime ad Antonio Caliendo che il 12 maggio del 2013, per motivi "futili e abietti" di inescusabile gelosia "punitiva", trascinò a terra la sua compagna Rosaria Aprea, miss di bellezza campana, e le diede un calcio che le spappolò la milza.
    Le motivazioni del verdetto - emesso lo scorso 16 dicembre - sono state pubblicate oggi: respinti tutti i tentativi dell'imputato di ottenere una riduzione della condanna della Corte di Appello di Napoli, il 13 maggio 2015, e conforme a quella emessa con rito abbreviato dal gup. La difesa di Caliendo si è lamentata per il diniego delle attenuanti generiche e per l'entità della pena, e ha anche chiesto che la gelosia "punitiva" dell'imputato - che in passato aveva già picchiato la ragazza - non fosse considerata "futile e abietta", un'aggravante, ma fosse valutata come gelosia "pura" che seppure collegata "ad un abnorme desiderio di vita in comune" non aggrava i comportamenti dolosi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Enrico Fresolone - GSM Shop

GSM Shop, ecco la clinica degli smartphone

La clinica degli Smartphone.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Napoli