Selfie su luogo omicidio, 'sconcerto'

'Mi sarei aspettato preghiera per fermare spirale di violenza'

(ANSA) - NAPOLI, 20 FEB - "Per noi educatori è una sconfitta. Tutto ciò è il risultato di modelli sbagliati che si offrono quotidianamente ai nostri ragazzi". Don Luigi Merola, prete anticamorra, educatore, non ha dubbi e prova grande amarezza nel commentare la notizia, riportata da alcuni quotidiani, di giovani che si sono fatti dei selfie nel luogo, a San Giovanni a Teduccio, alla periferia di Napoli, dove ieri è stato trovato il cadavere di un 18enne che era scomparso da casa da alcune settimane. Gli investigatori hanno accertato che il giovane è stato ucciso con due colpi d'arma da fuoco e poi seppellito, in un campo, a poca distanza dalla sua abitazione.
    Per don Luigi all'orrore per la morte di un 18nne "si aggiunge lo sconcerto. Da quei giovani più che un selfie mi sarei atteso una preghiera per la vittima, per fermare questa spirale di violenza, che non ci può lasciare indifferenti".
    Il sacerdote che è stato parroco nel rione Forcella, è promotore della fondazione "A' voce de' creature".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Napoli

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne