Ucciso, padre 'vorrei farlo tornare'

'Chiedo rispetto, non so se riesco a superare questo momento'

(ANSA) - NAPOLI, 08 GEN - "Ho fatto bene il mio lavoro di padre, non ho la bacchetta magica per farlo tornare indietro".
    Così Antonio, il papà di Maikol Giuseppe Russo, ucciso il 31 dicembre, per errore, in piazza Calenda a Forcella, quartiere di Napoli. "Ho 50 anni - dice - e con una bancarella in questa realtà ho cresciuto bene i miei figli".
    "E chiedo rispetto per me, la mia famiglia e mio figlio - afferma - io non so nemmeno se riesco a superare questo momento per il dolore".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

servizi alle imprese

Direct selling, consulenza e servizi alle imprese: con la qualità Sun4All non conosce crisi

Sostenere un'azienda a "fare bene" è un lavoro che richiede impegno e ampie capacità organizzative. Viaggio nella realtà delle agenzie di servizi.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Napoli

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne