Camorra: blitz Gdf, sequestrati beni per 320 milioni

Attività commerciali, immobili e terreni. Cento prestanomi

Beni riconducibili a un clan di camorra per un valore di 320 milioni di euro sono in corso di sequestro da parte della Guardia di Finanza di Napoli in tutta Italia. Sotto sequestro attività commerciali, immobili e terreni intestati a un centinaio di prestanomi ma gestiti - secondo il Gico - da soggetti contigui al clan operante a Napoli.

I sequestri - si apprende dalla Guardia di Finanza a Napoli - sono stati disposti dalla Sezione per l'applicazione delle misure di prevenzione del Tribunale di Napoli nei riguardi di un clan di camorra che opera a Napoli. Nelle indagini, condotte dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli - stando agli elementi emersi finora - è stato individuato un vasto patrimonio costituito in maniera illecita, formalmente intestato ai prestanome ma in realtà - secondo gli investigatori - gestito direttamente da soggetti contigui al clan.

Le attività commerciali riguardano svariati settori e i beni posti sotto sequestro - hanno reso noto le Fiamme Gialle - sono tutti riconducibili ai soggetti sottoposti alla misura di prevenzione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Napoli