Camorra: si pente il superboss Antonio Iovine

E' considerato uno dei quattro capi del clan dei Casalesi

Una organizzazione ancora viva e potente nonostante da oltre vent'anni le cronache raccontino, a cadenza pressoché quotidiana, di raffiche di arresti, di ergastoli e di migliaia di anni di reclusione inflitti a boss e gregari, come di sequestri di beni (case, terreni, aziende) per importi ingentissimi. Ma adesso la decisione - adottata da qualche settimana ma solo oggi venuta alla luce - di un pezzo da novanta come Antonio Iovine di collaborare con la giustizia potrebbe rappresentare davvero il colpo di maglio mortale per il clan dei Casalesi, il sodalizio della camorra più agguerrito e temuto, con voce in capitolo in tutti gli affari illegali del Casertano (e non solo), e che non a caso aveva propri rappresentanti nella cupola di Cosa Nostra.

Magari Il Ninno (che sta per Bimbo), come lo chiamano sia per l'aspetto da eterno ragazzo sia per aver intrapreso da giovanissimo la sua carriera criminale, in considerazione del suo ruolo da ''ministro dell'economia'' dell'organizzazione potrebbe aiutare soprattutto a ricostruire la rete di affari, estesa dal Casertano a varie zone del centro-nord, dove negli ultimi anni è stato riciclato il fiume di denaro ricavato dal traffico di droga, dal racket delle estorsioni e dalle infiltrazioni negli appalti pubblici. Questo l'auspicio dei magistrati della Direzione distrettuale di mafia che hanno convinto il boss a recidere i legami con la malavita organizzata e hanno già riempito pagine e pagine di verbali con le sue dichiarazioni, dopo aver provveduto ad assicurare la protezione ai familiari. Che la sua parabola che lo aveva portato repentinamente ai vertici del clan, dopo la cattura dei capi storici Francesco Schiavone ''Sandokan'' e Francesco Bidognetti ''Cicciotto 'e mezzanotte'', fosse in fase discendente, 'o Ninno lo aveva capito il 17 novembre 2010 quando la polizia lo scovò a Casal di Principe nella casa di un fiancheggiatore mettendo fine a una latitanza durata quattordici anni. Con una condanna definitiva all'ergastolo e la prospettiva quindi del carcere duro che gli avrebbe impedito o almeno reso assai complicati i contatti con i suoi fedelissimi, il boss nato cinquanta anni a San Cipriano d'Aversa (la città di altri due padrini del calibro di Antonio Bardellino e Antonio Iovine), forse nel momento stesso in cui lo ammanettarono cominciò a considerare l'ipotesi che quella del pentimento era ormai l'unica strada che gli restava. E sapeva che gli inquirenti erano pronti a cogliere l'occasione unica di acquisire le rivelazioni di un personaggio di grande spessore criminale, con un livello di conoscenze molto più alto di chiunque appartenente al clan abbia finora deciso di collaborare.

La decisione di Iovine, per quanto riguarda gli assetti criminali, potrebbe avere sull'organizzazione gli stessi effetti che negli anni Novanta ebbero le defezioni di boss del calibro di Carmine Alfieri e Pasquale Galasso sul destino del sodalizio Nuova Famiglia, protagonista della lunga guerra senza quartiere con la Nco di Raffaele Cutolo. "I pentimenti sinceri - sottolinea il ministro degli Interni Angelino Alfano - giovano al contrasto alle mafie, lo abbiamo scoperto grazie alle intuizioni di grandi magistrati come Giovanni Falcone e abbiamo inferto colpi durissimi alla mafia ed alla 'ndrangheta. Se la stessa cosa avverrà per la camorra si potrebbero aprire scenari investigativi interessanti e potremmo arrivare alla sconfitta della camorra". Da qualche giorno tutti i parenti sono stati trasferiti in località segrete. É stato lo stesso Iovine ad indicare i parenti "a rischio" da includere nel programma di protezione e quindi da allontanare dal Casertano: la moglie, Enrichetta Avallone, 45 anni, finita in carcere nel 2008 per una vicenda di estorsione e tornata in libertà nel luglio del 2011; e il figlio, Oreste, 25 anni, che invece è tuttora detenuto: fu fermato il 19 ottobre del 2013, insieme ad altre quattro persone vicine alla fazione del clan guidata dal padre, con l'accusa di associazione mafiosa, estorsione e traffico di droga. Se il clan sopravviverà alla fine dei suoi padrini lo si saprà tra non molto, quando forze dell'ordine e magistrati tireranno le somme.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Universiade 2019

Universiadi: Sarmiento,piccole Olimpiadi

Argento olimpico, dal punto di vista tecnico livello altissimo


 (ANSA)

Universiadi: Roncelli,saremo all'altezza

Sara' vetrina per mettere in mostra i nostri tesori


 (ANSA)

Universiadi: -200, "ora parte la fase 2"

Evento show in stazione Napoli. Basile, ora sotto coi servizi


Vai alla rubrica: Pianeta Camere