Ex Lsu-Lpu bloccano autostrada a Cosenza

Protesta per ottenere stabilizzazione in enti pubblici

(ANSA) - COSENZA, 17 DIC - Circa trecento i lavoratori precari del bacino ex Lsu-Lpu hanno bloccato l'autostrada A2 del Mediterraneo all'altezza dello svincolo di Cosenza Nord. I lavoratori, da vent'anni impiegati al servizio delle pubbliche amministrazioni, protestano per la mancata adozione, da parte del Governo, di provvedimenti che consentano la loro stabilizzazione. Sul posto ci sono i rappresentanti di tutte le sigle sindacali. La manifestazione è seguita dalle forze dell'ordine.

   Si sono concluse nel pomeriggio le manifestazioni promosse dai lavoratori precari ex Lsu-Lpu alla stazione ferroviaria di Villa San Giovanni (Reggio Calabria) e sull'autostrada, a Cosenza. I manifestanti hanno liberato binari e strade e la circolazione è ripresa regolarmente. Sul fronte ferroviario, complessivamente, sono stati 18 i treni interessati dalla sospensione del traffico di cui sette cancellati e quattro limitati; ritardi fino a 150' per Frecce e Intercity e fino a 120' per i Regionali. Trenitalia ha attivato servizi sostitutivi con autobus. fronte stradale, notevoli sono stati i disagi a Cosenza. Cgil, Cisl e Uil, intanto, lamentano che "nessuna risposta" è giunta "da parte del Governo nonostante la Calabria sia paralizzata". "Gli incontri tenutisi nelle Prefetture di Reggio Calabria e di Cosenza - hanno riferito i sindacati - non hanno dato risposte significative per la soluzione della problematica, né i parlamentari calabresi di maggioranza hanno dato prova di responsabilità per una soluzione della vertenza. Stante il perdurare di una situazione gravissima, Cgil, Cisl e UIL Calabria decidono unitariamente di spostare la mobilitazione a Roma presso il Senato della Repubblica per giovedì 20 dicembre e comunque in concomitanza ai lavori parlamentari, mantenendo anche la mobilitazione nei comuni calabresi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere