Tre cani avvelenati in Calabria

Denuncia di Animalisti italiani, "atto di crudeltà inaudita"

(ANSA) - PALMI (REGGIO CALABRIA), 6 DIC - Tre cagnolini meticci di circa un anno facenti parte della stessa cucciolata sono stati avvelenati da persone non identificate. A denunciare l'episodio é stata la responsabile della sede di Reggio Calabria di "Animalisti Italiani onlus", Maria Antonia Catania, che, insieme ai volontari locali, ha sporto denuncia contro ignoti ai carabinieri. I tre cuccioli sono stati trovati privi di vita nella pineta di Palmi.
    "Si tratta dell'ennesimo atto di crudeltà gratuita e inaudita - sostiene Maria Antonia Catania - perpetrato contro tre creature innocenti che non davano fastidio a nessuno e che si è consumato nel silenzio e nell'apparente inconsapevolezza generale. Non ci capacitiamo di come sia stato possibile commettere un gesto di una simile gravità. I tre cagnolini erano accuditi, insieme a tanti gatti, nella pineta di Palmi che i volontari dell'Associazione avevano contribuito a riqualificare, allestendo gli alloggi dove far riparare dal freddo tanti animali".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere