Confiscati beni per 6 mln a cosca Crea

Provvedimento Tribunale proposto da Questore Reggio Calabria

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 21 NOV - La Polizia di Stato ha confiscato beni per un valore di sei milioni di euro riconducibili a Teodoro Crea, di 78 anni, attualmente detenuto in regime di 41 bis e indicato come il capo dell'omonima cosca di Rizziconi della 'ndrangheta.
    Il provvedimento di confisca, proposto dal questore di Reggio Calabria, é stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale. I beni oggetto della confisca, secondo gli investigatori, sono riconducibili, oltre che a Teodoro Crea, alla moglie del capocosca, Clementina Burzì, alla figlia Marinella ed al marito di quest'ultima, Francesco Barone.
    I beni confiscati consistono in alcuni immobili, tra cui una villa di pregio, sei fabbricati adibiti a stalle, 18 terreni ed un'impresa agricola individuale. Secondo quanto hanno riferito gli investigatori, le persone cui erano riconducibili i beni confiscati, "in virtù della loro appartenenza alla cosca, erano riusciti ad accumulare un ingente capitale, sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.