Aiuti a latitante,arresto moglie e figli

Aiutarono congiunto a evitare carcere dopo condanna per omicidio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 4 NOV - La moglie e i due figli di Antonino Zampaglione, di 69 anni, ritenuto affiliato alla cosca Iamonte di Melito Porto Salvo, arrestato il 7 febbraio 2015 dopo 3 anni di latitanza, sono stati posti agli arresti domiciliari, con altre 3 persone, per procurata inosservanza di pena dello stesso Zampaglione. I provvedimenti, emessi dal gip su richiesta della Dda, sono stati eseguiti dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dal Commissariato di Polizia di Condofuri. Si tratta di Annunziata Pio (58), moglie di Zampaglione; dei figli Carmelo (34) e Saverio (36); di Salvatore Martino (29), Emanuele Foti (33) e Fabio Salvatore Ferrigno (40). Zampaglione era sfuggito all'arresto nel marzo 2012 dopo la conferma di una condanna a 24 anni e 9 mesi per associazione mafiosa e per l'omicidio di Antonio Pangallo, ucciso nel 1990. Per l'accusa il delitto sarebbe stato commissionato dai Pio, ritenuti affiliati agli Iamonte, e da Zampaglione per vendicare la morte del suocero di Zampaglione,avvenuta per mano di Pangallo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Francesco La Regina - Zinco Group

Canna fumaria ad alto valore aggiunto di tecnologia alla Zinco Group

"Facciamo le stesse cose che fanno gli altri, noi le facciamo in modo diverso"


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere