A porte chiuse processo abusi su 13enne

Sette giovani imputati, tra loro figlio boss 'ndrangheta

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 11 OTT - Si svolgerà a porte chiuse il processo a carico di sette giovani originari di Melito Porto Salvo accusati di avere violentato ripetutamente tra il 2013 e il 2015 una ragazza che all'inizio della terribile vicenda aveva 13 anni. Lo hanno deciso i giudici del Tribunale di Reggio Calabria dove stamani è iniziato il dibattimento. Nell'inchiesta che ha portato al processo, è stato arrestato anche un ottavo giovane che all'epoca dei fatti era minorenne.
    Tra gli imputati figura anche Giovanni Iamonte, figlio di Remingo, indicato come boss dell'omonima cosca di 'ndrangheta operante a Melito Porto Salvo. Gli inquirenti lo indicano come il giovane capo del gruppetto di violentatori. Oggi, davanti al Tribunale, sono sfilati rappresentanti di associazioni religiose e sociali mentre la Regione Calabria ed il comune di Melito Porto Salvo hanno depositato la richiesta di costituzione di parte civile. Richiesta che dovrebbe essere fatta anche dal fratello della giovane.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Francesco La Regina - Zinco Group

Canna fumaria ad alto valore aggiunto di tecnologia alla Zinco Group

"Facciamo le stesse cose che fanno gli altri, noi le facciamo in modo diverso"


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere