da Crotone diademi Madonna Czestochowa

L'orafo Affidato: incarico vissuto come un vero e proprio dono

(ANSA) - CROTONE, 3 AGO - "Non si è trattato di una 'semplice' opera d'arte, ma di qualcosa in più. Un vero e proprio cammino, prima spirituale e poi professionale". Così l'orafo crotonese Michele Affidato parla della realizzazione dei diademi per l'effige della Madonna di Czestochowa in occasione del 300/mo anniversario dalla prima incoronazione di quelli originari, donati da Papa Clemente XI e trafugati nel 1909.
    "Ho affidato - afferma l'orafo crotonese - questo prezioso incarico, tra i più importanti della mia vita fino ad ora, proprio a Giovanni Paolo II. Insieme allo staff abbiamo lavorato giorno e notte alla ricerca della perfezione e il risultato è stato davvero straordinario. Inutile dire che è stata un'emozione che non è possibile descrivere, qualcosa che ti cambia la vita. Questo non è stato un lavoro, è stato un dono della Madonna". In occasione dell'incoronazione è stato inoltre celebrato ufficialmente il gemellaggio tra la Madonna di Czestochowa e quella di Capocolonna.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere