Italia-Egitto: Hawass, ricreare rapporto

Archeologo ospite a Catanzaro del Magna Graecia film festival

(ANSA) - CATANZARO, 2 AGO - "So che ci sono grossi problemi tra i nostri due Paesi e mi sento molto infelice a non vedere un ambasciatore italiano a Il Cairo o un ambasciatore egiziano in Italia, ma credo che le nostre due nazioni possano lavorare sodo per poter ristabilire tra loro un forte rapporto fra i due Paesi". Lo ha detto Zahi Hawass, egittologo ed archeologo, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egizie ed ex ministro delle Antichità del Paese nordafricano, intervenendo a Catanzaro al Magna Graecia film festival alla presentazione del dramma "Il loto e il papiro", scritto da Francesco Santocono.
    "So che molti - ha detto l'ex ministro - pensano che l'Egitto non sia un posto sicuro in questo momento, ma non è così. Il nostro, in realtà, è un Paese sicuro. In tre anni ho ricevuto tremila visitatori americani e voglio che gli italiani tornino in Egitto. Non si corre alcun pericolo, ve lo assicuro".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere