Italia-Egitto: Hawass, ricreare rapporto

Archeologo ospite a Catanzaro del Magna Graecia film festival

(ANSA) - CATANZARO, 2 AGO - "So che ci sono grossi problemi tra i nostri due Paesi e mi sento molto infelice a non vedere un ambasciatore italiano a Il Cairo o un ambasciatore egiziano in Italia, ma credo che le nostre due nazioni possano lavorare sodo per poter ristabilire tra loro un forte rapporto fra i due Paesi". Lo ha detto Zahi Hawass, egittologo ed archeologo, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egizie ed ex ministro delle Antichità del Paese nordafricano, intervenendo a Catanzaro al Magna Graecia film festival alla presentazione del dramma "Il loto e il papiro", scritto da Francesco Santocono.
    "So che molti - ha detto l'ex ministro - pensano che l'Egitto non sia un posto sicuro in questo momento, ma non è così. Il nostro, in realtà, è un Paese sicuro. In tre anni ho ricevuto tremila visitatori americani e voglio che gli italiani tornino in Egitto. Non si corre alcun pericolo, ve lo assicuro".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere