House sharing,è ok per un calabrese su 2

Lo rivela una ricerca dell'Osservatorio Sara Assicurazioni

(ANSA) - CATANZARO, 18 APR - Quasi la metà dei calabresi (il 42%) si dice pronto a condividere la propria casa con nuovi ospiti, mentre un ulteriore 13% non esclude di farlo nel prossimo futuro. E' quanto rivela un'indagine sull'house sharing condotta dall'Osservatorio di Sara Assicurazioni. Il dato regionale assume ancora maggiore rilievo se si considera che, per i calabresi, la casa rimane il luogo dell'intimità, quello in cui ci si sente sereni e rilassati (71%), ma anche un bene affettivo (51%) da lasciare ai figli (27%).
    Dall'indagine emerge inoltre che se c'è interesse per l'house sharing, sono ancora numerosi quelli restii ad aprire la propria porta agli estranei (45%). Le ragioni? Il 16% non si fida di chi può entrare in casa, mentre un ulteriore 29% afferma categoricamente di non essere intenzionato a condividere la propria abitazione con nessuno al di fuori della famiglia. Il 51%, infatti, teme di ospitare persone maleducate e poco rispettose, mentre il 49% ha paura di perdere la propria privacy.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere