Falsi incidenti per frode,200 denunciati

Inchiesta Cc nella Locride. Coinvolti medico,avvocati e periti

(ANSA) - BIANCO (REGGIO CALABRIA), 16 MAR - Oltre 200 persone denunciate, 70 incidenti stradali inesistenti accertati, scoperte 100 polizze assicurative contraffatte e un danno da oltre 800 mila euro a diverse compagnie assicurative: è il bilancio dell'inchiesta "Car crash" condotta nella Locride dai carabinieri della Compagnia di Bianco. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di falsa testimonianza, falsità ideologica, fraudolento danneggiamento di beni assicurati, sostituzione di persona, riciclaggio di autovetture ed altro.
    L'inchiesta, durata oltre 3 anni e condotta con le Unità antifrode di diverse compagnie assicurative, è nata da alcune intercettazioni ambientali nell'ambito dell'operazione "Colombiani d'Aspromonte" in cui alcuni indagati discutevano tranquillamente delle strategie da adottare per frodare le assicurazioni e percepire ingiusti risarcimenti. Tra le persone denunciate ci sono anche una decina di avvocati, un medico e alcuni periti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere