Ex Goi, 28 logge su 32 in mano cosche

Di Bernardo: lo appresi in Calabria, lo sapeva anche duca Kent

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 17 LUG - "Il mio vice nel Goi, in una riunione della Giunta del Grande Oriente d'Italia che io indissi con urgenza nel 1993 dopo l'inizio dell'indagine del dott. Cordova sulla massoneria, a mia precisa richiesta, disse che poteva affermare con certezza che in Calabria, su 32 logge, 28 erano controllate dalla 'ndrangheta". A dirlo è stato l'ex gran Maestro del Goi Giuliano Di Bernardo - in carica nei primi anni '90 - sentito il 6 marzo 2014 dal pm della Dda di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo nell'ambito dell'inchiesta Mammasantissima. "Gli dissi: e cosa vuoi fare di fronte a questo disastro. Lui - ha detto Di Bernardo al pm - mi rispose: nulla.
    Chiesi perché. Mi rispose che altrimenti lui e la sua famiglia rischiavano gravi rappresaglie. Fu questo che mi indusse prendere contatti con il Duca di Kent, che è al vertice della Massoneria Inglese che è la vera Massoneria. Mi disse che già sapeva questa situazione tramite notizie avute dall'Ambasciata in Italia e dai servizi di sicurezza inglesi".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere