Dia confisca 1,2 mln beni ad affiliato

Sigilli a negozio abbigliamento, quote società e immobili

(ANSA) - CATANZARO, 23 MAR - Beni per un valore di 1,2 milioni di euro sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia di Catanzaro a Francesco Suriano, di 37 anni, nipote di Tommaso Gentile, attualmente detenuto, ritenuto il capo dell'omonimo clan mafioso operante nell'hinterland di Amantea (Cosenza). Il provvedimento è stato emesso dalla Corte d'appello di Catanzaro su proposta della Procura generale.
    Suriano è stato condannato in via definitiva per estorsione aggravata dal metodo mafioso al fine di agevolare la cosca Lanzino-Di Puppo. Dalle indagini fatte dalla Dia è emerso che l'uomo e la moglie, nel periodo 2001-2013, hanno dichiarato redditi nulli o irrisori risultando quindi sproporzionato il valore dei beni. La confisca ha riguardato un negozio di articoli di abbigliamento, calzature, borse e accessori, quote di una società che gestisce campi di calcetto, di una società di pulizia e rimozione neve e di una società che vende auto, oltre a 4 immobili, rapporti finanziari e polizze assicurative.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Francesco La Regina - Zinco Group

Canna fumaria ad alto valore aggiunto di tecnologia alla Zinco Group

"Facciamo le stesse cose che fanno gli altri, noi le facciamo in modo diverso"


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere