Mancano giudici, allarme a Reggio

In ufficio impegnato in lotta 'ndrangheta stesso organico Pavia

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 19 FEB - Il tribunale di Reggio Calabria, chiamato a fronteggiare testa e cuore pulsante della 'ndrangheta, l'organizzazione criminale più potente e pericolosa, ha lo stesso numero di giudici di un tribunale di una media città del nord Italia come Pavia. Un dato che è tra quelli che stanno alla base del grido d'allarme lanciato dagli uffici giudiziari reggini visto che, oltretutto, la pianta organica non è neanche coperta per intero. Infatti, sui 50 giudici previsti tra civile e penale, ne sono in servizio 40.
    Una situazione che ha effetti negativi a cominciare dal settore penale dove l'ufficio Gip - 12 in organico ma 9 in servizio effettivo ed uno in procinto di trasferirsi - non riesce a fare fronte alle richieste che giungono dalla Procura ed in particolare dalla Dda. Richieste che hanno ad oggetto, solitamente, un alto numero di indagati per reati spesso delicati, coinvolgendo sovente anche politici, amministratori ed i cosiddetti "colletti bianchi".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere