Dopo dolori feto muore, indagati 3 medici

Donna di 28 anni sottoposta a cesareo in ospedale Vibo Valentia

Ha avuto dei dolori addominali ma in ospedale è stata rimandata a casa e dopo pochi giorni il feto è morto. E' accaduto a Vibo Valentia ad una donna di 28 anni. Il 26 dicembre la donna si è presentata in ospedale per dolori e dagli accertamenti era emersa una sofferenza fetale ma i medici l'hanno rimandata a casa. Ieri mattina la donna è tornata in ospedale dove è stata riscontrata la morte del feto.
La donna è stata sottoposta a parto cesareo. I genitori hanno presentato denuncia.

La Procura della Repubblica di Vibo Valentia ha aperto un'inchiesta sulla morte del feto dopo che la mamma, una donna di 28 anni, ha avuto dolori addominali ed è stata rimandata a casa. Le indagini dei carabinieri sono dirette dal Procuratore della Repubblica, Mario Spagnuolo, e dal sostituto Claudia Coluccio, che hanno disposto l'acquisizione della cartella clinica e degli accertamenti clinici fatti dall'inizio della gravidanza. La Procura della repubblica ha disposto anche l'autopsia che sarà eseguita domani dall'anatomopatologa Katiuscia Bisogni.

Nell'inchiesta sono indagati tre medici. Si tratta di un medico del reparto di ginecologia e di altri due in servizio nel pronto soccorso. L'iscrizione nel registro degli indagati è un atto dovuto per consentire la nomina di consulenti di parte in vista dell'autopsia. La Procura ipotizza il reato di procurato aborto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere