Ricatto a Potenza, gip conferma misura

L'indagato, che è l'ex patron del Potenza, resta ai domiciliari

(ANSA) - POTENZA, 03 MAR - Il gip di Potenza ha respinto l'istanza di remissione in libertà presentata dagli avvocati dell'imprenditore ed ex patron del Potenza Calcio finito ai domiciliari nell'ambito di un'inchiesta su un presunto "porno ricatto" ai danni dell'ex assessore allo sport del Comune di Potenza. Secondo quanto si è appreso, i suoi legali non presenteranno ricorso al Tribunale del Riesame. Lo scorso 22 febbraio la squadra mobile della questura di Potenza notificò all'imprenditore il provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere